Umidità in casa: motivi e possibili soluzioni

Della muffa sul soffitto, causata da troppa umidità in casa

L’umidità in casa è un problema tanto diffuso quanto complesso da affrontare perché può essere collegato a diverse cause.
Pertanto, se non si risolve velocemente e ancor di più se nell’abitazione si stanno formando muffe, è buona cosa rivolgersi a degli specialisti perché ci consiglino come risolvere il problema alla radice.
Avere un’eccessiva umidità in casa, infatti, non è solo una questione estetica o di durata degli intonaci, ma può anche essere spia di un problema di ordine strutturale (ad esempio se è causata da infiltrazioni nei muri) e può trasformarsi in un problema di salute per gli occupanti dell’abitazione.

Perché si forma umidità in casa?

Le ragioni che sono alla base di un’eccessiva umidità in casa possono risiedere sia in problemi dell’abitazione stessa sia in una cattiva gestione degli spazi.

Ventilazione e gestione degli spazi

Il primo consiglio naturalmente è quello di favorire la ventilazione degli ambienti.
Anche se non ci pensiamo, il corpo umano non solo produce vapore, ma ne produce molto. Parliamo di oltre un litro al giorno, al quale bisogna sommare quello prodotto dalle attività quotidiane come farsi la doccia, cucinare, lavare e asciugare i panni e così via.
Per questo è buona norma far sì che l’aria in casa sia costantemente rinnovata: uno scarso ricambio d’aria e una cattiva distribuzione della ventilazione degli ambienti che fa sì che l’aria non circoli. Naturalmente questo potrebbe anche essere aggravato da un clima esterno particolarmente umido.

Infiltrazioni e perdite

Alla base del problema vi possono essere anche problemi strutturali. Infiltrazioni nei muri o perdite d’acqua non sono da sottovalutare, sia perché possono favorire la crescita di muffe sia perché a lungo andare possono anche provocare problemi più gravi della sola umidità.
Anche un semplice rubinetto che perde può creare molta più umidità di quella che ci immagineremmo (e influire in modo significativo sul nostro consumo d’acqua, oltre che sprecarla inutilmente).

Vi è poi naturalmente la condensa di vapore, che si crea quando tra le diverse stanze vi è differenza di temperatura. Soprattutto se i locali sono poco aerati, l’acqua dispersa nell’aria può arrivare a formare delle gocce d’acqua che si depositeranno su muri e finestre. Una condizione che è abbastanza comune nelle giornate autunnali di pioggia, ma che non dovrebbe certo essere la condizione abituale di una stanza.

I rimedi contro l’umidità in casa

Così come diverse sono le cause, diverse sono anche le soluzioni alla presenza di umidità in casa.
A volte è sufficiente migliorare le proprie abitudini e aerare maggiormente i locali, oppure utilizzare un deumidificatore oppure un condizionatore con la funzione di deumidificazione. Se il problema è lieve possono bastare dei semplici dispositivi a base di sali, oppure dotarsi di un’asciugatrice, evitando di stendere i panni bagnati in casa (ancor di più sui caloriferi) se non è possibile attrezzarsi per stenderli all’esterno.

Se queste sono buone abitudini per tutti, spesso questi accorgimenti non bastano per chi ha problemi più significativi di umidità. In questi casi si può ad esempio ricorrere a particolari intonaci antiumido che favoriscono l’eliminazione dell’acqua dai muri, mantenendoli più asciutti.

Accorgimenti strutturali

Se la casa è in fase di ristrutturazione possono anche essere previsti determinati accorgimenti strutturali per far sì che vi sia una ventilazione continua degli ambienti. Si tratta di interventi  complessi da eseguire, invasivi, ma che possono davvero risolvere il problema alla radice.
Anche l’installazione di appositi impianti, come abbiamo visto sopra, può essere un’ottima soluzione senza dover prevedere interventi troppo pesanti sull’abitazione.

Se invece il problema è dovuto a infiltrazioni o perdite, sarà naturalmente necessario intervenire sulle cause così da eliminare anche gli effetti.

In ogni caso, se siete alle prese con un problema di umidità che non si risolve rapidamente, la cosa migliore è rivolgersi a una struttura competente che sia in grado di individuare con precisione l’origine del problema. Solo così sarà possibile determinare come muoversi per non dover più avere a che fare con questo spiacevole inconveniente.